12 e 13 Aprile 2022, BolognaFiere

ROHM amplia la propria linea di moduli di potenza full SiC

I nuovi modelli da 400A/600A e 1200V migliorano l’efficienza e la miniaturizzazione nelle applicazioni ad alta potenza

ROHM ha recentemente annunciato lo sviluppo di moduli di potenza full SiC da 400A/ 600A e 1200V (BSM400D12P3G002/ BMS600D12P3G001) ideali per inverter e convertitori solari destinati a sistemi di raffreddamento, UPS e alimentatori di potenza per apparecchiature industriali.

Il modulo BMS600D12P3G001 raggiunge una corrente nominale di 600A grazie al nuovo package dall’innovativa struttura interna e al design che ottimizza la dissipazione termica, rendendolo adatto per applicazioni ad alto assorbimento di potenza, come per esempio alimentatori di grande capacità per apparecchiature industriali. Inoltre, le perdite di commutazione sono ridotte del 64% (a una temperatura del chip di 150° C) rispetto ai moduli IGBT a pari corrente nominale, migliorando considerevolmente il risparmio energetico. La possibilità di raggiungere frequenze di switching più elevate, oltre a ridurre le dimensioni dei componenti esterni, permette anche una sostanziale riduzione delle perdite di commutazione che risultano inferiori ad alte frequenze, contribuendo alla miniaturizzazione dei sistemi di raffreddamento e similari. Per esempio, da calcoli preliminari basati su simulazioni di perdita in sistemi di raffreddamento, l’adozione di moduli SIC può ridurre le dimensioni del sistema di raffreddamento ad acqua fino all’88%*, rispetto a moduli IGBT di potenza equivalente.

Negli ultimi anni, grazie ad una sempre crescente richiesta di efficienza e risparmio energetico, i moduli SIC vengono adottati in misura sempre maggiore in parecchi settori, come quelli industriali e automotive, oltre che in quei campi dove è necessaria la gestione di potenze elevate. Tuttavia per massimizzare le caratteristiche di commutazione ad alta velocità – in particolare per unità con elevati assorbimenti di corrente come i moduli di potenza – è necessario sviluppare un nuovo package che elimini gli effetti della sovratensione durante la commutazione.

 

 

 

Irma Garioni
Irma Garioni