12 e 13 Aprile 2022, BolognaFiere

Processore audio wireless

ON Semiconductor rafforza l’offerta di componenti elettronici per apparecchi acustici con l’introduzione di due nuovi prodotti:

  • HPM10, un circuito integrato per la gestione dell’alimentazione;
  • Ezairo 7150 SL, un processore audio che supporta anche i collegamenti wireless.

Ezairo 7150 SL

Ezairo 7150 SL utilizza la tecnologia per l’elaborazione numerica dei segnali (DSP) proprietaria di ON Semiconductor già adottata in numerosi prodotti e permette di aggiungere un collegamento wireless negli apparecchi acustici e negli impianti cocleari. Il modulo ibrido compatto è basato sulla potente piattaforma DSP a 24 bit per segnali misti liberamente programmabile Ezairo 7100. Questa soluzione integrata in un singolo contenitore SiP (System in Package) funziona in modalità wireless multiprotocollo ed è ottimizzata per le applicazioni che lavorano nella banda dei 2,4 gigahertz (GHz), tra cui Bluetooth Low-Energy (BLE). Il modulo Ezairo® 7150 SL integra anche la memoria EA2M, una EEPROM CMOS da 2 Mb con accesso seriale utilizzata per ospitare il firmware dell’apparecchio acustico e altri importanti parametri di configurazione.

Per semplificare e accelerare il processo di sviluppo di un prodotto basato su Ezairo® 7150 SL, ON Semiconductor offre un progetto di riferimento completo per un apparecchio acustico retroauricolare. Il progetto di riferimento comprende software, hardware e firmware per offrire funzionalità wireless avanzate.

HPM10

HPM10 è un circuito integrato per la gestione dell’alimentazione (PMIC) che offre una soluzione ad alte prestazioni per la ricarica delle batterie installate negli apparecchi acustici e in altri impianti uditivi. Il circuito integrato PMIC genera tutte le tensioni di alimentazione necessarie all’apparecchio acustico e, inoltre, gestisce gli algoritmi di ricarica per ottimizzare la durata delle batterie e il numero di cicli di ricarica. Vengono supportati diversi tipi di batterie ricaricabili, tra cui quelle in argento-zinco (AgZn) e a ioni di liotio (Li−ion). Il circuito integrato HPM10 rileva anche la presenza di batterie in zinco−aria (Zn−Air) e in nichel-metallo idruro (Ni-Mh), ma non è in grado di ricaricarle.

Durante il funzionamento, i regolatori integrati nel circuito HPM10 aiutano a minimizzare le perdite di potenza della batteria inserite nell’apparecchio acustico. L’interfaccia di comunicazione con i caricabatteria (CCIF) integrata nel circuito HPM10 può trasferire dati all’apparecchio acustico nel corso del ciclo di ricarica. Diversi parametri sulla batteria, come livello di tensione, livello di corrente, temperatura e varie tipologie di guasto possono essere comunicate all’apparecchio. Sulla memoria programmabile una sola volta (OTP) integrata sul chip HPM10 è possibile registrare differenti parametri di ricarica in funzione del tipo e delle dimensioni delle batterie.

 

 

Laura Baronchelli
Laura Baronchelli