12 e 13 Aprile 2022, BolognaFiere

Nasce il primo cellulare senza batteria che si ricarica con l’energia ambientale

L’annuncio arriva dai ricercatori dell’università di Washington che hanno inventato un cellulare che per funzionare non richiede batterie. Questo è senza dubbio un enorme passo avanti nella ricerca che ci libererebbe da cavi e da telefonini scarichi nei momenti meno opportuni.

Per alimentarsi questo telefonino necessita di pochi micro watt di potenza che raccoglie sia dai segnali radio dell’ambiente che dalla luce.  A dimostrazione dello sviluppo commerciale del prototipo, il team di ricercatori ha provato con successo a utilizzarlo per chiamate Skype. La nuova tecnologia è dettagliata in un documento pubblicato  il 1 luglio scorso  negli Atti della Association for Computing Machinery su Interactive, Mobile, Wearable Technologies e onnipresenti.

“Abbiamo costruito quello che crediamo  essere il primo telefono cellulare funzionante, a  zero consumo di energia”, ha detto il co-autore Shyam Gollakota, professore associato presso la Paul G. Allen School of Computer Science & Engineering presso l’ UW . “Per ottenere questo risultato abbiamo dovuto ripensare integralmente al modo in cui questi dispositivi sono progettati ” ha continuato il ricercatore.
Il team di ricercatori ha eliminato il punto critico – che nella maggior parte delle trasmissioni cellulari è quello che richiede maggiore energia – cioè  la conversione di segnali analogici che trasmettono il suono in dati digitali che un telefono cellulare. Al contrario, il telefono cellulare senza batteria sfrutta le piccole vibrazioni nel microfono o nell’altoparlante  di un telefono cellulare che si hanno durante una chiamata. Un’antenna collegata ai componenti converte  il moto in variazioni  segnale radio analogico standard e li trasmette a una base . Questo processo codifica essenzialmente impronte vocali in segnali radio senza utilizzare energia.
Per trasmettere la voce, il telefono utilizza vibrazioni dal microfono del dispositivo e per ricevere  converte i segnali radio codificati in vibrazioni sonore che  vengono raccolti dall’altoparlante del telefono. Nel dispositivo prototipo, l’utente preme un tasto per commutare tra tra la modalità “trasmettere” e “ascolto”.
Grazie all’utilizzo di componenti off-the-shelf su un circuito stampato, i ricercatori hanno dimostrato che il prototipo  è in grado di eseguire funzioni di base del telefono – discorso trasmissione e la ricezione di dati e l’input dell’utente tramite pulsanti. Utilizzando Skype, i ricercatori sono stati in grado di ricevere le chiamate in entrata, chiamate in uscita e mettere  le chiamate in attesa  in attesa .
Sei appassionato di innovazione e vuoi scoprire le tecnologie più innovative? Iscriviti subito al Power Fortronic

 

 

Irma Garioni
Irma Garioni